gis 2023 piacenza expo

GIS 2023, successo senza precedenti

di Maurizio Quaranta

In un 2023 molto affollato di eventi per il settore, l’edizione del GIS (Giornate Italiane del Sollevamento) si è imposta come il principale appuntamento a livello europeo del sollevamento e dei trasporti eccezionali.

Con oltre 18mila presenze registrate e qualificate, la manifestazione ha superato le aspettative, confermandosi anche a occhio nudo come uno degli appuntamenti più importanti nel settore. La presenza di 432 espositori diretti, rappresentanti di quasi 500 brand, sottolinea l’ampio riscontro di partecipazione dell’industria del sollevamento e l’ampiezza delle proposte presentate. Inoltre, l’aumento degli espositori esteri (+44% rispetto all’edizione del 2021) indica un interesse crescente a livello internazionale per l’evento biennale organizzato da Mediapoint & Exhibition.

Con 71mila metri quadrati di esposizione, tra area coperta e scoperta, l’evento ha offerto ampio spazio per presentazioni, dimostrazioni e interazioni tra espositori e visitatori. Ben sette appuntamenti, tra convegni, workshop, seminari tecnici e conferenze, hanno arricchito l’esperienza dei partecipanti, a cui si aggiungono le ormai celebri premiazioni per le eccellenze della filiera, come l’ITALPLATFORM, l’ITALA, l’ILTA. Inoltre, il “GIS BY NIGHT” si conferma come evento post fiera particolarmente coinvolgente, capace di aggiungere un elemento di festa particolarmente gradito al pubblico italiano, ma ormai apprezzato dagli operatori giunti da tutto il mondo.

Il compleanno di IPAF Festeggiato al GIS

A detta di espositori e visitatori, l’evento ha avuto successo non solo come vetrina tecnologica, ma anche come momento di scambio, di celebrazioni e di opportunità concrete per concludere affari. Tra le celebrazioni non possiamo non ricordare l’aperitivo per il compleanno di IPAF: International Powered Access Federation ha raggiunto il traguardo dei suoi primi 40 anni di attività.

Fondata in Inghilterra nel 1983, la Federazione ha scritto le pagine principali di storia della sicurezza e dell’innovazione nel mondo delle piattaforme aeree e delle attrezzature di accesso in quota. La lunga e preziosa esperienza di IPAF ha contribuito a rendere più sicuri ed efficienti i luoghi di lavoro in tutto il mondo.

Nel corso degli anni, IPAF ha diffuso formazione, risorse e supporto per migliorare le competenze degli operatori, ridurre i rischi sul posto di lavoro e per garantire una migliore comprensione delle procedure di sicurezza. Peter Douglas, CEO di IPAF ha dichiarato durante il GIS:

“Nei prossimi 40 anni, continueremo ad assistere a miglioramenti significativi rispetto ai primi 40; proseguiremo con la missione che Paul Adorian iniziò tanti anni fa. Per me, IPAF significa condividere le migliori prassi da tutto il mondo. Chi ancora non fa parte di IPAF, dovrebbe pensare seriamente di unirsi a noi, per contribuire alla crescita del settore e a mantenerlo sicuro. Tutto il team che lavora per IPAF in tutto il mondo mi aiuta a supportare i soci in ogni necessità. Non dimentichiamoci che i nostri soci dedicano il proprio tempo con passione e dedizione, gratuitamente, per migliorare costantemente i Corsi di formazione e che il Consiglio, il Direttivo, fanno altrettanto per aiutare, consigliare e guidare me e il personale nel compito di creare e organizzare attività per tutto il settore. I diversi Comitati di lavoro coinvolti nel miglioramento della sicurezza acquisiscono prestigio e credibilità attraverso le competenti persone coinvolte. Il Comitato tecnico dei produttori in special modo, vede l’impegno congiunto di manager che uniscono le forze per lo sviluppo del settore, nonostante siano acerrimi concorrenti ogni giorno sul campo. I concorrenti che si riuniscono per migliorare la sicurezza e la produttività dei prodotti e delle buone prassi a vantaggio di tutto il settore, non solo per il proprio tornaconto, rendono IPAF un’aggregazione davvero speciale”